Aon Benfield: Annual Global Climate and Catastrophe Report



• Aon Benfield pubblica l’ “Annual Global Climate and Catastrophe Report” con i dati sugli eventi catastrofali degli ultimi 10 anni. • Le perdite economiche causate dai 295 eventi catastrofali del 2012 ammontano a 200 miliardi di dollari. • In Italia il terremoto in Emilia Romagna ha causato 12 miliardi di Euro di danni. Le perdite assicurate stimate ad oggi superano il miliardo di Euro Milano 06 febbraio 2013 – Impact Forecasting, centro di eccellenza per lo sviluppo di modelli catastrofali di AonBenfield – leader in Italia e nel mondo nel brokeraggio riassicurativo – ha pubblicato il suo “Annual GlobalClimate and Catastrophe Report” e ha lanciato un nuovo sito internet, Catastrophe Insight(www.aonbenfield.com / catastrophe insight), che fornisce i dati sugli eventi catastrofali degli ultimi 10 anni, tra cui le perdite economiche e assicurate connesse a nove delle più frequenti calamità naturali.
“Annual Global Climate and Catastrophe Report” rivela che nel 2012 in tutto il mondo si sono verificati 295 eventi causati da catastrofi ambientali (contro i 257 del 2011), che hanno causato perdite economiche per un totale di 200 miliardi di dollari, leggermente al di sopra della media degli ultimi 10 anni (187 miliardi).Mentre le perdite economiche sono rientrate nella media, le perdite assicurate nel 2012 sono state del 36%superiori alla media degli ultimi dieci anni (72 su 53 miliardi), in quanto i due eventi più significativi dell’anno si sono verificati negli Stati Uniti, che presentano una penetrazione assicurativa molto elevata.
Le perdite assicurate nel 2012 sono state comunque significativamente inferiori al risultato record del 2011 (133miliardi).Stephen Mildenhall, Amministratore Delegato di Aon Benfield Analytics, ha dichiarato: “Nonostante la crescente condivisione della teoria di un mondo sempre più dominato dal rapido aumento delle perdite connesse a eventi catastrofali, il nostro studio mette in evidenza che le perdite nel 2012 sono tornate ad unlivello di normalità dopo l’annus horribilis del 2011. Mentre i sinistri catastrofali nominali stanno aumentando ad un ritmo allarmante, le perdite economiche come percentuale del PILglobale – una misurao pportunamente normalizzata per inflazione e sviluppo economico – sono rimaste relativamente stabili nel corso degli ultimi 30 anni.”L’Uragano Sandy è stato l’evento più “costoso” del 2012: le perdite assicurate da assicuratori privati e finanziate da programmi governativi ammontano a circa 28.2 miliardi di dollari, mentre ci sono circa 65 miliardi di dollari di perdite economiche in Canada, Stati Uniti, Caraibi e Bahamas.Al di fuori degli Stati Uniti, l’evento che ha causato il maggior numero di danni economici si è verificato proprio in Italia con il terremoto che nel maggio del 2012 ha duramente colpito l’Emilia Romagna.Le strutture danneggiate sono state più di 10.000 per un totale di 12 miliardi di euro di danni le cui perdite assicurate superano il 1 miliardo di euro. Il report realizzato da Impact Forecasting mette in luce come,nonostante il terremoto dell’Emilia sia il terzo evento catastrofico dell’anno a livello di danno economico, essosi collochi solamente all’ottavo posto nella classifica dei danni assicurati connessi a calamità naturali.
Aon-Benfield