Carburanti alternativi al gasolio: sono ecologici?



Il gasolio è una particolare miscela di idrocarburi che viene utilizzata come fluido di alimentazione in motori diesel. Al suo utilizzo sono però connessi problemi di natura ambientale collegati alla presenza nei fumi di combustione di prodotti inquinanti o nocivi per l’ambiente come derivati del zolfo, idrocarburi aromatici, ossidi di azoto, CO e CO2.

Esistono però varie alternative, oltre al petrolio, per poter arrivare a combustibili alternativi al gasolio. Un esempio è dato dai biodiesel, sostanze derivate da fonti rinnovabili quali oli vegetali o grassi animali che garantiscono un’efficacia simile al combustibile derivato dal petrolio ma che, in aggiunta, comportano dei valori di emissioni decisamente inferiori per quanto riguarda quasi tutti i componenti dei fumi di combustione del gasolio.

Il biodiesel, entro certi limiti, viene miscelato con il diesel ed utilizzato come combustibile per i motori che sfruttano questo sistema di alimentazione. Si tratta di un combustibile che garantisce emissioni più pulite rispetto al gasolio derivato dal petrolio. Lo zolfo è assente, cosi come gli idrocarburi aromatici derivanti da prodotti incombusti e il valore delle emissioni di CO e CO2, seppur comprendente le quantità prodotte per produrre le materie prime del biodiesel, risultano essere di gran lunga inferiori rispetto alla controparte derivante dal petrolio. Esistono alternative al gasolio che, svolgendo lo stesso compito di questo combustibile, risultano quindi avere un impatto ambientale minore.