Solar Decathlon 2014, vince l’Italia



A Versailles, l’Italia ha vinto il Solar Decathlon 2014 – il campionato mondiale di bioarchitettura istituito nel 2002 dal Dipartimento di Energie degli USA- con il progetto RhOME for denCity,  realizzato dall’Università Roma Tre. L’deazione della casa del futuro made in Italy si è avvalsa di importanti partnership tecnologiche, tra cui quella con Solbian che ha contribuito con un impianto fotovoltaico di ultima generazione.
Insieme al gruppo di lavoro del progetto “RhOME for denCity” -l’unico italiano fra i 20 che hanno partecipato alla competizione- i ricercatori Solbian E.A. hanno brevettato una speciale copertura fotovoltaica con 98 pannelli flessibili SP50L (1109x292X1,5 mm) super leggeri (0,8 Kg, sette volte meno di un pannello tradizionale a parità di potenza) montati su un tessuto microforato scuro.
Strutturata in tre parti la ‘vela’ fotovoltaica’ copre il tetto e una parete della casa e viene spostata manualmente con facilità facendola scorrere fino a coprire la ‘loggia’, per fungere da sistema ombreggiante!
Inoltre i moti convettivi che si generano sotto la copertura rinfrescano naturalmente l’ambiente, estraendone l’aria calda.
Il tessuto microforato agevola la dissipazione del calore in eccesso aumentando l’efficienza delle celle monocristalline mentre la leggerezza dei pannelli ne permette il pre-assemblaggio “a terra” con semplici giunzioni amovibili e un’installazione finale rapidissima.
Come previsto dal regolamento del Solar Decathlon i 5 kw di potenza  rendono la casa totalmente autosufficiente sotto il profilo energetico.
Il progetto è stato pensato per essere applicato su larga scala e diventare così un modello di edilizia sostenibile per la casa del futuro. Questo anche in un contesto urbano, dove oggi è più difficile lo sfruttamento delle energie alternative.

Solbian Energie Alternative è una delle poche realtà italiane capaci di competere sui mercati internazionali nello sviluppo di applicazioni fotovoltaiche innovative. Il primo modulo solare ‘ultra-leggero’ SolbianFlex venne realizzato nel 2006 in collaborazione con il CNR per il Class 40′ del campione di vela Giovanni Soldini, utilizzando celle monocristalline inserite all’interno di tecnopolimeri.
Da allora la tecnologia Solbian è diventata un punto di riferimento per l’impiego nel settore velico e, generale, per le applicazioni in mobilità.
Modulo Solbian SP50L
Potenza di picco: 51 W
Lunghezza: 1109 mm
Larghezza: 292 mm
Spessore: 1,5 mm
Peso: 0,8 Kg
Numero di celle: 16 

solar decathlon