Energie rinnovabili in Italia statistiche 2011 2012



In Italia l’attenzione verso le energie rinnovabili e verso cosa queste rappresentano per la società si fa sempre maggiore. L’idea che ci troviamo di fronte ad un’opportunità da abbracciare pienamente e cogliere al volo sembra farsi sempre più spazio nella volontà del pubblico italiano. A dirlo è un sondaggio realizzato da Ispo per ANEV che è stato presentato dal noto Prof. Renato Mannheimer nel corso del Convegno “Il vento fa il suo giro”
I risultati di questo sondaggio parlano chiaro: l’89% del campione intervistato ha dichiarato che è giunto il momento di puntare tutto sullo sviluppo delle energie rinnovabili in Italia, con particolare riferimento al settore eolico. Inoltre il 22% si dichiara favorevole ad un aumento della bolletta energetica per supportare una politica di incentivazione adeguata. Il 44% del campione è disposto è favorevole ad un aumento tra l’1 e il 6% mentre il 23% sarebbe disposto ad andare anche oltre il 6%.
Evidente anche l’insoddisfazione nei confronti della politica italiana e del governo colpevole, secondo il 51 % degli intervistati di non un contributo nullo allo sviluppo delle rinnovabili in Italia o, secondo il 37%, di un impegno insufficiente al fine di una giusta diffusione. Da sottolineare come la maggioranza degli intervistati non consideri pericolose queste fonti di energia che, secondo il campione di intervistati, non crea pericoli per la salute (81%) ne danneggia il paesaggio (63%). Il momento sembra quindi propizio, anche tra la popolazione, per dare un’accelerata sensibile allo sviluppo del settore rinnovabile, in tutto il suo complesso, in Italia.