Previsioni Energie Rinnovabili: non fidarsi del passato…

Nel 2000 il World Enery Outlook dell’Internationa Energy Acency (IEA) aveva previsto che, con l’esclusione dell’energia idroelettrica, le energie rinnovabili al 2020 avrebbergo generato il 3% sul totale della produzione energetica mondiale. Una previsione errata (anche di molto) per difetto. E il 3% fu raggiunto e superato già nel 2008.

Se poi guardiamo ai dati disaggregati i “buchi neri” previsionali appaiono ancor più evidente. Ad esempio si pensava che nel 2010 l’energia solare avrebbe prodotto complessivamente 7,6 gW; peccato che in quello stesso anno la produzione complessiva era quasi 10 volte superiore.

Lo stesso rapporto andava ad indicare il 30 gW di energia eolica nel mondo come previsione probabile entro il 2010. Altra previsione al ribasso dal momento che nel 2010 l’eolico era in grado di produrre oltre 200 gW, su scala globale.

Parte consistente di questo “scarto” previsionale è sicuramente da motivare con l’impetuosa crescita dell’economia cinese (che tuttavia nel 2000 non era propriamente “ferma”). Eppure è chiaro che da più parti si è sottovalutato il potenziale delle fonti pulite. Moltissimi esperti non credevano affatto possibile un cambiamento (sia pur modesto) nelle abitudini energetiche e forse pesava anche una buona dose di pregiudizio.

Gli errori, come abbiamo visto, son stati grossolani e dovrebbero servire, almeno a “raddrizzare” le previsioni future.

 

admin
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica